YouTube-logo-full_color
b-3
09/01/2012, 13:01



Rassegna-Stampa-del-Concerto-di-Alfredo-Minucci---Tracce.it-09.01.12


 Due città e una festa «per un nuovo inizio»di Giuseppe  Di Fazio (pubblicato on line su Tracce.it)09/01/201



Due città e una festa «per un nuovo inizio»
di Giuseppe  Di Fazio (pubblicato on line su Tracce.it)

09/01/2012 - San Cristoforo e Rione Sanità, da Napoli alla Sicilia, per la festa dell’associazione Cappuccini: l’incontro tra due quartieri popolari dove la crisi è vinta da un’amicizia che non conosce cassintegrazione. Una festa in piazza, sabato 7 gennaio, nel cuore del quartiere popolare San Cristoforo a Catania. Una festa in piena regola: con il palco, una band venuta da Napoli, il sindaco Raffaele Stancanelli, il presidente del consiglio di quartiere e tante persone ad ascoltare, cantare e divertirsi. Ma non una festa come le altre, tanto per dimenticare la tristezza della vita, o la crisi che procura miseria e disoccupazione che s’aggiungono a quelle già croniche nei quartieri degradati. Piuttosto, come spiega Doriana Raimondo presidente dell’Associazione Cappuccini che ha organizzato la manifestazione, «un momento che abbia il sapore di un nuovo inizio. Perché quando nella vita s’è intravista la novità non la si vuole lasciare scappare».Sul palco a cantare c’è Alfredo Minucci, del rione Sanità di Napoli, con Roberto Petrella alla chitarra e Gaetano Greco alle percussioni. Due quartieri degradati che s’incontrano, che s’alleano per aiutarsi a superare la rassegnazione alla miseria, anche questa è una novità. E ciò grazie alla presenza in quei luoghi di punti vivi di riscatto, iniziative caritative e non profit nel campo dell’educazione, dell’assistenza, dell’aiuto al lavoro. Come i Centri di solidarietà. O come le scuole libere "gemellate": per esempio il Sacro Cuore di Napoli e l’istituto Sant’Orsola di Catania. Non a caso alla festa sono presenti le dirigenti scolastiche delle due istituzioni: Paola Mazzara e Michela D’Oro.Alfredo Minucci racconta, attraverso i suoi canti, di una domanda che sta nel cuore di ogni uomo, di un incontro che cambia la vita e ridona speranza anche nelle situazioni più tristi. La gente del quartiere s’infiamma, quelle canzoni napoletane narrano e spiegano anche la loro storia, quello che hanno visto e toccato con mano, dentro la crisi, oltre la crisi.Patrick, seconda media, che è qui con il fratello Anthony, sta fianco a fianco con i propri insegnanti e coi volontari che l’aiutano nel doposcuola. Ci sono alcuni operai, con famiglia, che s’incontrano con il manager che ha preso a cuore la loro situazione di disoccupati. In passato da questo rapporto sono nate diverse opportunità di lavoro, ma soprattutto è nata un’amicizia che non conosce cassintegrazione. Sono tante piccole storie che hanno dato colore e sostanza alla festa, voluta dai volontari dell’Associazione Cappuccini, che da più di quindici anni sono presenti nel quartiere, assistendo un centinaio di famiglie, aiutando i bambini delle elementari e delle medie con un doposcuola gratuito e promuovendo un accompagnamento allo studio per i ragazzi delle Superiori.Il sindaco li ringrazia. «Perché - dice - senza il volontariato il Comune non saprebbe come far fronte alla crisi».Alfredo Minucci, protagonista della serata, lancia l’ultima canzone, che è anche un messaggio: «Sient ’o core...». Ascolta il tuo cuore. E non avere paura, non t’imbroglia.

01/01/2012, 12:59



Alfredo-Minucci-in-concerto!


 <span>Alfredo Minucci, cantante napoletano, si esibirà in concerto insieme alla sua Band sabato 7 Gennaio 2012! E’ un evento molto atteso promosso dall’Associazione Cappuccini, che diventa occasione



Alfredo Minucci, cantante napoletano, si esibirà in concerto insieme alla sua Band sabato 7 Gennaio 2012! E’ un evento molto atteso promosso dall’Associazione Cappuccini, che diventa occasione per festeggiare tutti insieme l’inizio del nuovo anno.Vi aspettiamo in Piazza San Cristoforo, ore 19:00! Non mancate!

Quando una cosa è vera non può mai finire, che sia un’amicizia, che sia un amore, che sia una canzone!
27/11/2011, 13:01



9.600-tonnellate-di-alimenti-donati!


 Un popolo che vive e condivideMarco Lucchinidomenica 27 novembre 2011, (da ilsussidiario.net)Se accetti la sfida, la vita cam



Un popolo che vive e condivide
Marco Lucchinidomenica 27 novembre 2011, (da ilsussidiario.net)

Se accetti la sfida, la vita cambia e si mette in azione, subito. A Milano una ragazza racconta: "Mi era stato proposto nei giorni scorsi di partecipare come volontaria ma avevo fatto di finta di non sentire. Oggi sono venuta al supermercato per far la spesa e vedendovi mi sono detta: "Ma qui sono tutti allegri e contenti, mi fermo e faccio anch’io il mio turno di volontariato". In molti hanno scelto di andare al discount, perché i prodotti costano meno e questo ha permesso loro di donare gli alimenti. Altre persone si sono addirittura presentate con il sacchetto di un altro supermercato, perché avevano fatto la spesa qualche giorno prima in quanto non volevano fare la coda alle casse, tipica del sabato, ma hanno voluto comunque partecipare. Oppure il messaggio arrivato da Maria Concetta che riporta quanto le ha detto un suo concittadino: "Oggi la faccio la Colletta, non so se l’anno prossimo potrò ancora. Ma voi non mollate perché mi date speranza".Si può vivere un periodo di crisi, essere tutt’altro che tranquilli o addirittura ignorarla ma comunque chi non si tira indietro da quello che la realtà offre nell’istante, in quel momento, a quell’ora, in un determinato luogo, scopre l’imprevisto: l’incontro fisico con un popolo genera un cambiamento e speranza, non come propria capacità ma come dono, come un patrimonio donato su cui contare sempre, in particolare quando sembra che le proprie risorse siano finite.Accettare questa sfida cambia perché la libertà di ciascuno è esaltata, come ha detto un ragazzino di Genova: "È un dovere aiutare gli altri, ma non sei obbligato". Allora anche un gesto cosi ben organizzato (sms ricevuto alle 11.07 da un manager di una nota e importante azienda internazionale "Organizzazione &Logistica perfette. Complimenti. Ciao G.I.") a cui potresti solo dare un supporto, diventa tuo e chi incontri lo riconosce. In Toscana un "vu cumpra" chiede ai volontari di poter dare una mano. Alla fine della giornata il Capo Equipe, responsabile per il Banco Alimentare dei volontari in quel punto vendita, valuta di fare cosa gradita offrendo 10 euro di mancia al nostro extracomunitario ma lui si arrabbia e gli risponde: "non l’ho fatto per soldi ma con il cuore".Che la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare sia un popolo non bisogna neppure spiegarlo, è diventata un’evidenza: italiani, africani, asiatici, americani, slavi, ispanici, cinesi, ecc. mobilitati, mossi, protagonisti della Carità. Ma un popolo non è solo etnia è anche alimentato dalla storia di ciascuno. Allora in questo popolo generato dalla Carità trovi ricchi e potenti (solo per fare degli esempi: Andrea Agnelli, il sindaco di Torino Piero Fassino, il sindaco Renzi con la Giunta del comune di Firenze, la Giunta comunale di Bologna, il Sindaco e il Presidente della Provincia di Grosseto, ma chissà quanti altri di cui non sappiamo), vip dello spettacolo e campioni dello sport (Gerry Scotti, Linus, Federica Pellegrini, Franco Baresi e se ne conoscete altri fatecelo sapere così da ringraziarli).Per non parlare dei numerosi carcerati, che hanno partecipato all’interno del penitenziario o in libertà vigilata nei magazzini del Banco Alimentare. Così i pastori della chiesa come l’arcivescovo di Catania, Salvatore Gristina, a quello di Torino, Cesare Nosiglia, che sappiamo essere andato, ma in incognito, per vivere personalmente questo gesto di carità. Oppure gli amici Alpini e della San Vincenzo o i tantissimi volontari che per un giorno non hanno dato del tempo per la propria associazione ma per 1.400.000 poveri di cui non conoscono ne’ la storia ne’ il volto, in un atto di fiducia non fondato su "leggi di trasparenza" ma sull’esperienza condivisa, magari, scaricando alimenti in uno dei 21 magazzini dove la Rete Banco Alimentare quotidianamente opera.Un popolo vive e condivide; allora ecco che una ragazza che in un supermercato a Milano festeggia il suo compleanno con gli amici arrivati da Parma. La vita di un popolo è anche ciò che trasmette alle generazioni future. Qui mi viene in soccorso un episodio raccontatomi da un nonno: "i miei nipoti entusiasti mi hanno raccontato che hanno fatto i pacchi e mia figlia ha aggiunto che è stata una tragedia convincerli ad andare a casa". Di questi tempi sono i giovani che fanno paura al popolo o troppo aggressivi o completamente assenti dalla vita ma in questo popolo ci sono anche insegnanti che accompagnano la crescita dei ragazzi e così possiamo entusiasmarci e non terrorizzarci per la loro vitalità. Alla "Colletta" sono molti e sempre di più, gli adolescenti che partecipano. A prima vista non sembrano diversi da quelli visti in televisione solo poche settimane fa a Roma, se non per il fatto che riconoscevi i loro volti, la loro fatica e il loro sorriso ha "spaccato" a tal punto che adulti vedendoli hanno portato la spesa in auto e si sono fermati con loro ad aiutarli. Ancora molte testimonianze si potrebbero citare ma non basterebbero a spiegare tutto, perché la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare non vuole spiegare nulla ma vuole essere solo un esempio, concreto e tangibile, che non c’è nulla nella realtà che possa far spegnere il desiderio che c’è in ciascuno di noi di voler cambiare, migliorare la propria esistenza e quella degli altri. Che piaccia o no questo popolo ha un nome sulla sua carta d’identità: cristiano. Ha anche una caratteristica che è più facile vedere che descrivere: è in azione per accogliere e condividere i bisogni di tutti gli uomini. Da oggi in poi tocca a ciascuno rinnovare la sfida che la realtà offre sempre ma con un po’ più di certezza: questo popolo "non molla" e continua a dare speranza perché poggia sulla roccia e non sulla sabbia, perché vive nel presente ciò che Gesù ha detto ai suoi: "Sarò con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo".P.s. Mi stavo quasi dimenticando: grazie al popolo della Carità abbiamo raccolto 9.600 tonnellate, + 2%. Alla faccia della crisi.


14849515252
Create a website